Joseph Hubertus Pilates: la storia di un metodo


A cura del Dott. Antonino Patti

Joseph H Pilates
Nato nei pressi di Düsseldorf (Mönchengladbach, 9 dicembre 1883 – New York, 9 ottobre 1967), Joseph Hubertus Pilates si convinse che lo stile di vita moderno, la pessima postura e tecniche di respirazione inefficace influenzassero negativamente lo stato di salute. Attraverso l'ampio studio della meditazione zen, dello yoga e rigorosi regimi di esercizio fisico, la sua salute precaria (soffriva di asma, rachitismo e febbre reumatica) migliorò a tal punto che all'età di 14 anni era un ginnasta compiuto, un pugile e uno sciatore. Si ritiene inoltre che da giovane, Pilates possa aver preso parte ad un gruppo di acrobati cinesi; nel 1912, all'età di 32 anni, si trasferì in Inghilterra, dove divenne un pugile e un insegnante professionista di autodifesa. Durante l'inizio della prima guerra mondiale, Pilates insieme ad altri suoi connazionali residenti in Inghilterra, fu internato in un campo di prigionia a Lancaster. Fu durante questo periodo che Pilates cominciò a raffinare le sue convinzioni in materia di salute e idoneità fisica, sperimentando le sue tecniche con i suoi compagni detenuti nel campo. Iniziò a elaborare una serie di esercizi fisici combinandoli con il controllo mentale e la respirazione. Cominciò a definire il concetto di "Core - Stability", gettando le basi per il metodo che prenderà il nome di "Contrology”, che si basa sul principio di rendere forte prima il centro del corpo e poi lavorare sui distretti periferici.
Successivamente, durante la guerra, fu trasferito in un ospedale, dove mise al servizio dei pazienti le sue conoscenze, nel tentativo di recuperare al meglio gli infortuni delle vittime di guerra. Sulla base di questa esperienza, Pilates capì l'importanza del rafforzamento muscolare nel recupero post-infortunio; il personale medico notando i miglioramenti nei tempi di recupero, in quei pazienti con cui Pilates lavorava, lo incoraggiò a continuare a sviluppare le sue idee. Dopo la guerra, Pilates tornò in Germania, dove continuò ad affinare le sue tecniche lavorando per la polizia di Amburgo; iniziò inoltre un rapporto di collaborazione con molti ballerini professionisti; in particolare, si ricorda l'amicizia nata tra lui e Rudolph von Laban, danzatore, coreografo e teorico della danza ungherese, considerato ancora oggi uno dei "padri fondatori" della danza contemporanea. 
Tuttavia, a metà degli anni 20', il suo lavoro attirò l'attenzione sgradita dell'esercito tedesco, che lo volle al suo servizio. Pertanto, Pilates decise nel 1923 di emigrare negli Stati Uniti e si trasferì a New York. Durante l'attraversata sull' Atlantico, Pilates incontrò la sua futura moglie Clara; lei, dapprima, divenne una sua paziente alla quale Pilates insegnò le sue tecniche, per aiutarla a gestire la sua artrite cronica; successivamente Clara divenne una socia in affari, quando aprì il suo primo studio nel 1924 sulla 8th Avenue di New York. La notizia di questo studio si diffuse rapidamente nel mondo della danza; leggende come Martha Graham, Tanya Holm and George Balanchine cominciarono a frequentarlo. Lo studio e le tecniche di Pilates divennero ben presto famose, non solo nel recupero degli infortuni dei ballerini, ma anche come esercizi complementari per promuovere il rafforzamento muscolare e il bilanciamento posturale. Mentre inizialmente gli esercizi venivano eseguiti per terra su dei materassini (quello che ancora oggi viene definito "Matwork"), successivamente egli sviluppò la sua prima macchina, la "Universal Reformer", costituita da un lettino a scorrimento orizzontale che potrebbe includere fino a quattro molle. Col tempo Pilates sviluppò altre macchine tutte studiate come la Reformer per stabilizzare il tronco durante l'esercizio e aiutare i soggetti ad ottenere una corretta esecuzione del movimento e una corretta distribuzione del peso. Nel 1940 Pilates, dopo una profonda riflessione, prese coscienza del fatto che le sue tecniche non potevano morire con lui; pertanto decise di prendere come allievi tre dei suoi assistiti. Questi "Master Teachers" ( Eve Gentry , Ron Fletcher e Romana Krysanowska ) sono stati i primi di una rete ormai mondiale di insegnanti di Pilates e , dopo la morte di Joseph nel 1967 , Krysanowska aiutò Clara nello studio di New York , diventando direttore nel 1970. In seguito, il metodo Pilates riapparve in Europa, tramite Alan Herdman (Master Teachers formato successivamente) che per primo portò il metodo nel Regno Unito. Herdman si allenava presso la London School of Contemporary Dance e stava lavorando come insegnante e ballerino quando, incoraggiato dal direttore artistico della London Contemporary Dance Theatre, andò a New York per studiare il metodo Pilates. Al suo ritorno nel Regno Unito nel 1971 , Herdman istituì il primo studio di Pilates della Gran Bretagna , il Body Control Studio presso la London School of Contemporary Dance. Così come per Joseph Pilates a New York , anche i primi clienti di Herdman furono attori, ballerini, cantanti e atleti; ma successivamente medici e fisioterapisti cominciarono a indirizzare i pazienti con lesioni croniche. Gli studi di Herdman si diffusero in tutta l'Inghilterra, in Europa e in Australia. Dopo la morte di Clara Pilates nel 1977 , Romana Krysanowska continuò a gestire, come direttore, lo studio di New York e successivamente aprì nel 1991 un istituto con lo scopo di proteggere la tecnica originale di Joseph Pilates. Nel 1995, il tribunale dichiarò non registrabile il metodo Pilates e obbligò l'istituto a cambiare nome (The Physical Mind Institute). 
Questa sentenza, che ha eliminato la possibilità di depositare il marchio Pilates, ha provocato molte varianti del metodo Pilates e ha creato polemiche su ciò che si intende per un istruttore di Pilates "certificato". Nonostante ciò , l'eredità di Joseph Pilates e il suo impegno per la perfezione fisica e comprensione della corpo umano e della sua funzione, sopravvive ai giorni nostri, aiutando innumerevoli danzatori, atleti, attori e gente comune a recuperare il loro pieno potenziale fisico.