Il peso corporeo, un destino genetico?